Glossario Biblico

Piccola Enciclopedia Biblica



Browse the glossary using this index

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z | ALL
Currently sorted First name ascending Sort by: Surname | First name change to descending

Page:  1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  ...  24  (Next)
  ALL

Logo

Amministratore Utente

Aaronne

In ebraico Aharôwn. La sua etimologia è incerta e potrebbe voler dire brillante.

Aaronne era un Levita e fu figlio di Amram e Jokebed (Esodo 6:16-20). Era tre anni maggiore di Mosè, ma più giovane della sorella Miriam. Nacque in Egitto nel 1574 a.C. Egli sposò Elisceba, figlia di Amminadab, da cui ebbe quattro figli: Nadab, Abihu, Eleazar e Ithamar (Esodo 6:23; Numeri 3:2).

Nella sua vita copre i ruoli e la funzione di:

  1. Aiutante e portavoce di Mosè davanti al Faraone (Esodo 4:16)
  2. Sommo sacerdote Dio sceglie Aaronne e i suoi figli perché siano consacrati e gli prestino servizio come sacerdoti (Esodo 28:29; 40:13-16; Levitico 8). Aaronne è il primo sommo sacerdote, scelto da Dio per questo incarico (Ebrei 5:1-4) che egli svolge per circa quarant'anni.

Abaddon

Parola di origine ebraica (vedi Giobbe 26:6) che significa distruzione; essa indica  pure il logo di distruzione o di punizione, e cioè, l'Ades o lo Sceol (Giobbe 31:12). In Apocalisse 9:11 Abaddon è riferito all'anfgelo dell'abisso.

Abarim

(letter. regione al di là). Era una regione montuosa al di là del Giordano, ad est del Mar Morto e di cui faceva parte il monte Pisgah (Deut. 3:27) e il monte Nebo (Deut. 32:49).

In seguito alla disfatta della grande confederazione di popoli capeggiata da Gog, che negli ultimi giorni invaderà Israele, la Valle di Abarim servirà come luogo di sepoltura per Gog e tutti i suoi alleati (Ezech. 39:11).

Abdia

(letter. servitore dell'Eterno). Non si conosce nulla di certo sul suo luogo di origine e famiglia; non è menzionato neppure il nome di suo padre. Le tradizioni che lo vorrebbero identificare come il maggiordomo al palazzo di Achab (1 Re 19:3-16), o con il terzo capitano mandato da Achazia contro Elia (2 Re 1:13) non hanno alcun fondamento.

Abel-Mitsraim

Il campo dell'Egitto (Genesi 50:11)

Abrahamo

Inizialmente di chiamava Abramo (Genesi 11:26), che in ebraico è Abram e significa padre elevato, grande o esaltato; in seguito Dio stesso gli cambiò il nome in Abrahamo (Genesi 17:5), che in ebraico é 'Abrâhâm e significa padre di una grande moltitudine.

Abrahamo nacque in Ur de' Caldei nel 2161 a.C. Il nome di suo padre era Terah (Genesi 11:27-28) e quello di sua moglie Sarai (Genesi 11:29), che in seguito fu cambiato in Sara, che significa principessa.

Abrahamo all'età di settant'anni circa, assieme al padre Terah, alla moglie Sara e al nipote Lot, lascia il suo paese nativo e si stabilisce in Haran, nell'alta Mesopotamia (Genesi 11:31).

Alla morte del padre Terah, all'età di settantacinque anni, parte per andare nel paese di Canaan (Genesi 11:32; 12:1-5). Qui Dio gli promette che avrebbe dato questo paese alla sua discendenza (Genesi 12:7), dal fiume d'Egitto el fiune Eufrate (Genesi 15:1-18).

Convinto da Sara a prendere in moglie Agar, la sua serva egiziana, questa gli partorisce Ismaele (Genesi 16:1-15).

Dio gli ordina che lui ed ogni maschio di casa sua (nati in casa o comprati) siano circoncisi (Genesi 17:9-27).

Quando Abrahamo ha cent'anni e Sara novanta, nasce Isacco, il figlio della promessa (Genesi 21:1-21).

Abrahamo muore all'età di 175 anni.

Abramo

Padre elevato, grande o esaltato.

Adamo

In ebraico è Adâm e viene da âdam (rossiccio, rosso, tinto di rosso, diventare rosso).

Da âdam viene anche:

  • 'Edôm (cioé Edom) che significa rosso; è il nome dato ad Esaù dopo che egli aveva barattato la sua primogenitura con un piatto di zuppa rossa (Genesi 25:30),
  • e 'adâmâh che significa terra, suolo, paese.

Il nome Adamo si riferisce tanto al genere umano in senso collettivo che al primo uomo creato da Dio.

Quasi in tutte le versioni è reso come:

-uomo , come ad esempio  in Genesi 1:26; 2:7,18,19,21,22,23 ecc.

-Adamo , come ad esempio in Genesi 3:17,21

-persona/e come ad esempio in Numeri 31:28,30,34,40,46.

Anche se il primo uomo, creato ad immagine e somiglianza di Dio (Genesi 1:26-27), è da Luca esplicitamente chiamato figlio di Dio (Luca 3:38), in Genesi viene da Dio stesso chiamato uomo o Adamo (Genesi 5:2), per rimarcare la parte terrena del suo essere (da 'adâmâh, terra, suolo), e proteggerlo quindi da una possibile esaltazione.

Un altro terine per uomo in ebraico è îysh che significa uomo o maschio (Esodo 35:29), marito (Genesi 3:6) o persona, essere umano (Numeri 23:19).

Da îysh probabilmente deriva il termine donna (in ebraico 'iyshâh).

Ades

Anche se la sua etimologia rimane incerta, il termine significa luogo invisibile. E' il luogo di soggiorno o la dimora sotterranea dei morti fino al tempo del giudizio. In latino è chiamato infernum (lett. posto sotto terra) e in italiano inferno.

L'Ades è quindi il luogo temporaneo di pene tra la morte e il giudizio finale riservato ai malvagi, i quali verranno poi gettati nella geenna (Matteo 5:22,29; 23:15,33; Marco 9:43,45,47,ecc) o nello stagno di fuoco (Apoc. 19:20; 20:10,15; 21:8).

Secondo le Scritture del Nuovo Testamento, ci sono due luoghi temporanei di dimora degli spiriti e delle anime dei trapassati, in attesa della risurrezione e giudizio (Apoc. 20:5,6,,12,13); essi sono:

  • il paradiso (Luca 23:43) o abitare con il Signore (2 Corinzi 5:8), che è il luogo dove sono gli spiriti e anime dei buoni salvati;
  • l' Ades, nel senso di inferno o luogo temporaneo di tormenti (Luca 16:23), dove sono gli spiriti e anime dei malvagi persuti. Nel racconto del ricco e del mendicante Lazzaro (Luca 16:19-31) Gesù insegna chiaramente:

- una esistenza cosciente dopo la morte (Luca 16:22-28),

- la realtà dei tormenti dell'inferno (Luca 16:23-25),

- i morti non possono comunicare con i vivi (Luca 16:26).

Il termine Ades è usato quattro volte nei Vangeli e sempre dal Signore Gesù (Matteo 11:23; 16:18; Luca 10:15; 16:23).

In due passi degli Atti è invece detto che l'anima di Cristo non è stata lasciata nell'Ades (Atti 2:27,31).

In Apocalisse 1:18 Gesù stesso afferma di avere le chiavi della morte e dell'Ades.

Adino

Snello o Lancia (2 Samuele 23:8).


Page:  1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  ...  24  (Next)
  ALL