Glossario Biblico


Piccola Enciclopedia Biblica

Sfoglia il glossario usando questo indice

Caratteri speciali | A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z | TUTTI

Pagina:  1  2  3  4  (Successivo)
  TUTTI

B

Baal

(plur. Baalim; lett. signore, padrone). Divinità deiCananei e dei Fenici. Baal era anche chiamato figlio di Dragone, un antica divinità di Canaan e della Mesopotamia, associata all'agricoltura. Baal era perciò ritenuto il dio della fertilità dei campi e del bestiame, ed anche il dio della pioggia, necessaria per un abbondante raccolto.

In Israele il culto a Baal si sviluppò in tre stadi:

  1. Essi cominciarono a mettere Baal al secondo posto dopo l'Eterno.
  2. Considerarono l'Eterno come un super-Baal.
  3. Finirono per abbassare l'Eterno al livello di Baal e giunsero quindi a dimenticare e abbandonare completamente l'Eterno.
Link d'accesso: Baal

Baal-Berith

(Lett. signore del patto, cioè, il dio che stabilisce un patto con i suoi adoratori). Era il titolo sotto cui gli Israeliti davano un culto a Baal a Sichem dopo la morte di Gedeone (Giudici 8:33).

Questa divinità era pure chiamata El-Berith, e cioè, il dio del patto (Giudici 9:46).

Link d'accesso: Baal-Berith

Baal-Hamon

(Lett. signore di una moltitudine). E' il luogo ove Salomone aveva una vigna (Cantico de'Cantici 8:11), che egli affidò a dei guardiani.

Link d'accesso: Baal-Hamon

Baal-Peratsim

(Lett. Signore nell'aprire i varchi). Località nei pressi della valle di Refaim (2 Samuele 5:18-20).

Link d'accesso: Baal-Peratsim

Baal-Zebub

La rappresentazione o forma di Baal adorato nella città filistea di Ekron (2 Re 1:2-3,6,16). Baal Zebub significa principe o signore delle mosche.

Esso fu consultato anche da Achaziah, re d'Israele (2 Re 1:2-16). Nel Nuovo Testamento questo ome è reso con Beelzebub ed era usato per indicare il principe dei demoni (Matteo 12:24).

Il culto a Baal-Zebub doveva avere qualcosa di veramente diabolico, se questo nome era considerato sinonimo di satana stesso (Matteo 12:24).

Link d'accesso: Baal-Zebub

Babele

In ebraico è Bâbel e significa confusione. Ha riferimento alla confusione delle lingue alla torre di Babele (Genesi 11:9).

Link d'accesso: Babele

Babilonia

(in ebraico Babel , e significa confusione; in accadico è Babilu e significa porta di Dio. Il termine ebraico deriva dalla radice bâlal, che significa straripare, mischiare).

Babilonia (Babele) è menzionata la prima volta in Genesi 10:10 assieme ad Erek. Akkad e Kalneh, che formano l'inizio del regno di Nimrod.

A Babilonia sidiede inizio alla costruzione della torre di Babele e in seguito a questo, Dio confuse le lingue degli uomini (Genesi 11:1-9). Sotto Hammurabi la città divenne il centro politico e religioso di tutta la regione, ma giunse all'apogeo della gloria solo nel sec. VI a.C. sotto Nebukadnetsar, il quale l'ingrandì e l'abbellì, rendndola così la capitale più grande e più bella del tempo.

Secondo Erodoto, che l'avrebbe visitata nel 443 ca. a.c., Babilonia aveva la forma di un quadrato di quasi 23 km per lato. La città era circondata da un doppio muro di cinta, con all'esterno un profondo fossato. Erodoto dice ancora che le mura avevano uno spessore di 50 cubiti (ca. 25 m.) ed erao alte 200 cubiti (ca. 100 mt). C'erano un centinaio di porte di bronzzo, venticinque per ogni lato. Da queste porte partivano larghe strade perpendicolari alle mura che si intersecavano ad angolo retto, dividendo così la città in quadrati uguali. L'Eufrate scorreva al centro della città, dividendola così in due.

Nonostante la grandezza, il fasto e la potenza di Babilonia, questa città cadde nelle mani di Ciro e da allora in poi iniziò la sua decadenza. Tutte le profezie bibliche su Babilonia si sono avverate (Isaia 13; 14:1-23; 21:1-10; 46:1-2; 47:1-3; Geremia 1:51). Geremia dice che Babilonia sarebbe diventata un ammasso di rovine (Geremia 51:37) e questo si è avverato alla lettera.

Link d'accesso: Babilonia

Balaam

Distruzione di un popolo. (Numeri 22:7).

Figlio di Beor, originario di Phetor sull'Eufrate (Deutaronomio 23:4);un indovino impiegato da re Balak per maledire Israele (Numeri 2-24). Cercò di allontanare gli Israeliti da Jahweh (Numeri 31) e fu da loro ucciso.

Link d'accesso: Balaam

Balak

Distruttore, dissipatore (Numeri 22:2). Assoldò Balaam per maledire gli Israeliti (Giudici 11:25).

Link d'accesso: Balak

Balsami

Questo termine, che in ebraico è bâkâ', letteralmente significa piangente

In 1 Samuele 5:23-24 e in 1 Cronache 14:14-15 si riferisce ad un albero che viene chiamato piangente, perchè trasuda un gomma odorifera.

Link d'accesso: Balsami


Pagina:  1  2  3  4  (Successivo)
  TUTTI