Glossario Biblico


Piccola Enciclopedia Biblica

Sfoglia il glossario usando questo indice

Caratteri speciali | A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z | TUTTI

N

Nehemia (Libro di)

Autore: Nehemia
Data di redazione: 445-430 a.C. ca.

Nehemia riporta  il racconto degli ultimi avvenimenti storici dell'Antico Testamento, fino all'anno 430 a.C. Esdra e Nehemia sono le figure predominanti di questo libro. Il tempio era stato ricostruito, come riferisce il libro di Esdra, ma le mura della città erano ancora in rovina a causa della noncuranza del popolo. Per ben 11 volte, Nehemia fece ricorso alla preghiera.

Link d'accesso: Nehemia (Libro di)

Ninive

Una famosa e antica città situata sulla sponda orientale del Tigri, fondata assieme ad altre città da Nimrod (Genesi 10:11-12). Fu la capitale dell'Impero Assiro e raggiunse il massimo splendore con Assurbanipal.

Ninive meritava certamente il nome d "città sanguinaria", datole dal profeta Nahum (Nahum 3:1), per la grande ferocia mostrata verso i vinti e per le orrende mutilazioni inflitte ai prigionieri di guerra.

Ninive aveva avuto il privilegio di conoscere il vero Dio. In seguiito alla predicazione di Giona, la città si era ravveduta e Dio aveva ritirato il suo giudizio contro di essa (Giona 3).

Circa 100 anni più tardi, però, Nahum proclama la caduta e la distruzione di Ninive, perché gli Assiri si erano dimenticati del loro ravvedimento ed erano ritornati alle loro abitudini di violenza, idolatria ed arroganza.

Così nel 612 a.C. Ninive fu completamente distrutta dai Medi e dai Babilonesi, tanto da divenire come un mito, finchè le sue rovine furono scoperte e portate alla luce da Sir Austen Layard ed altri nel secolo scorso.

Link d'accesso: Ninive

Numeri (Libro dei)

Significato del nome: La parola "Numeri" si riferisce ai due censimenti dell'esercito di Israele (Numeri 1:26). La Versione dei LXX lo intitola Arithmoi. In ebraico Bemidbar (nel deserto) però, è il più adeguato.
Autore:
Mosè
Data di redazione: intorno al 1446-1410 a.C. ca.

Questo libro parla della disciplina che Dio usò con il popolo d'Israele nel deserto, in modo da prepararli alla loro entrata vittoriosa nella Terra Promessa. L'incredulità impedì loro di esperimentare una tal vita di vittoria (vedi Ebrei 3:7-19).
La prima parte del libro serve come conclusione della testimonianza divina riguardo le esperienze del monte Sinai, e nello stesso tempo si ricollega all'Esodo. La seconda parte, più importante, racconta gli anni di vita nomade compresi tra la partenza del popolo dal Sinai e l'arrivo della generazione successiva al Giordano.

In Numeri ci sono tre rappresentazioni Messianiche:

  1. la roccia che Mosè colpì è figura del Cristo, la Roccia (cfr 20:7-11 con 1 Corinzi 10:4)
  2. il serpente di rame che guarì gli israeliti è figura del Cristo, Colui che guarisce (cfr 21:4-9 con Giovanni 3:14)
  3. le città di rifugio sono la figura del Cristo, un Rifugio per coloro che sperano in Lui (cfr 35<.1-35 con Ebrei 6:18).
Link d'accesso: Numeri (Libro dei)